214. A tradimento

Non so quando sia stato. Forse ieri, forse due giorni fa. Si è concentrato nel tempo di un battere di ciglia. Non ricordo cosa fosse successo, ma questo sì, il pensiero, immediato, fulminante, venuto dal nulla: ora chiamo babbo e glielo racconto. È durato un istante, perché ogni risveglio dura…

Continua a leggere…