Finché potrò continuerò ad osservare. Finché osserverò continuerò ad imparare. Finché imparerò continuerò a crescere. Finché crescerò continuerò a vivere.

Non stancarti di andare

Sono terribilmente combattuto nello scrivere di questo volume, perché ci sono due voci contrastanti, di cui una oggettiva e una terribilmente soggettiva. Sarebbe facile dire “l’oggettiva è la più importante”, ma è anche vero che nell’apprezzamento di un libro, così come di qualunque altro modo di raccontare una storia, la…

Continua a leggere…

Il punto

Facciamo un secondo il punto della situazione. A Macerata una ragazza con gravi problemi di tossicodipendenza viene trovata morta e viene accusato lo spacciatore che sembra l’abbia fatta a pezzi e ne abbia occultato il cadavere. Rabbia verso “gli immigrati di merda” e, già che ci siamo, una bella sparatoria…

Continua a leggere…

+7

Sono trascorsi sette giorni dall’arrivo dei tre nuovi ospiti e, incidentalmente, dall’ultimo post qui sopra. Una settimana intensa, di adattamento, di scoperta reciproca, di prendere misure che, necessariamente, non sono ancora complete. Mi chiedevo, e qualcuno mi ha chiesto, come fosse avere tre nuovi mici per casa a così breve…

Continua a leggere…

Di silenzi e cambiamenti

Questo blog è sempre stato specchio di ciò che sono io, in contenuti, toni, modalità d’essere. Poco da stupirsi, quindi, se in questi giorni non stia scrivendo praticamente nulla: rispecchia perfettamente quella sensazione di ottenebramento mentale ed emotivo che sto attraversando. Un limbo in cui ci si sveglia, si lavora,…

Continua a leggere…

Come stai?

Che domanda piena di sfumature. Come stai? È, se ci pensate, una di quelle domande a tre stati: non fatta, fatta come pro-forma o fatta perché ci si interessa davvero. In quest’ultimo mese, dell’ultimo tipo, ce ne sono state tante, probabilmente più di quante mi aspettassi e tutte, nessuna esclusa,…

Continua a leggere…