Due passi.

Due giorni senza praticamente uscire di casa e il bisogno di cambiare aria si fa impellente.

Ma sì, mi dico, esco a fare due passi.

Quindi cena, shorts, maglietta, birkenstock, caricabatterie portatile, cuffiette e fuori.

Prendo una macchina elettrica e la parcheggio vicino alla Stazione Centrale, giusto perché ho voglia di camminare partendo da lì e perché di infilarmi in metropolitana non ho voglia.

E comincio.

Due passi, così poi torno a casa e mi rilasso.

Porta Nuova.

Scorci che al tramonto fanno amare ancora di pù questa città.

I giardini sopra al Mall.

Il “ponte” sopra Melchiorre Gioia.

Piazza Gae Aulenti.

Ma sì, dai, c'è anche un po' d'aria, proseguo.

Corso Como.

Piazza XXV Aprile.

Corso Garibaldi.

La movida milanese si scatena anche stasera, mi infilo tra gente con uno più cocktail in mano.

Mi infilo in qualche viuzza che collega a Brera, giusto per godermi qualche altro scorcio.

Una via piena di locali, un'altra praticamente vuota.

Cordusio.

Ma sì, dai, non vuoi arrivare in Duomo?

Incrocio una marea di ciclisti per non so quale evento.

Più che in tutta Ferrara, il che è tutto un dire.

La Galleria.

Il Duomo.

Su, dai, vai a prenderti un gelato, ma prima cerca di capire chi è quella folle che sta cantando coperta di un vestito giallo di paillettes con dietro di sé una motoretta a quattro ruote coperta di luminarie manco fosse Natale.

Gelato, dicevo.

Ok.

Via Torino.

Porta Ticinese.

Coda.

Gelato decente.

Su, dai, inizia a tornare indietro.

Duomo, di nuovo.

Ma dai, San Babila è vicina, vai fino a lì, no?

Poca gente, ogni tanto brezza.

Potrei andare ancora avanti, ma forse si è fatto tardi.

Guardo l'orologio.

Sono passate due ore.

Dato che domani si lavora sarebbe il caso tornassi.

Prendo la metropolitana.

Due passi.

8,9 chilometri.

Forse, e dico forse, dovrei calibrarmi un po'.

 

About Aries

Finché potrò continuerò ad osservare. Finché osserverò continuerò ad imparare. Finché imparerò continuerò a crescere. Finché crescerò continuerò a vivere.

2 commenti

  1. Io ti adoro e adoro leggerti ma oggi mi hai fatto venire i brividi. Perché? Le Birkenstock??!! Noooooo
    😉

    • Guarda, non saranno belle, ma la comodità che danno loro, poche altre scarpe al mondo. Con questo caldo me ne frego della bellezza, tanto non è che sia proprio il mio punto forte 😛
      Però rigorosamente con shorts e senza calzini, sia chiaro!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.