Una serata in trasferta

Uno dei modi migliori per trascorrere non solo una giornata o un week-end, ma anche semplicemente una serata di fine maggio, è andare in una città diversa dalle solite e provare a scoprirla.

Va da sé che avendo a disposizione uno o più giorni si può attrezzarsi per esplorarla a dovere, visitare monumenti, musei o luoghi panoramici, cercare di gustarne il più possibile, ma non sempre è possibile o necessario.

Ad esempio può essere piacevole entrare in macchina e raggiungere un luogo che sia sufficientemente vicino da andare e tornare in serata ma anche abbastanza lontano da non andarci di frequente.

Nel nostro caso, stasera, si è trattato di Ferrara.

Faccio immediatamente coming out dicendo che io non ci ero mai stato, mentre sia Miss Sauron che i suoi genitori la conoscono bene, per cui la “novità” riguardava soltanto me.

Visitare una città in questo modo significa semplicemente cercare di respirarne l'aria, cogliere qualche scorcio, capire se può valere la pena tornare.

In quest'ottica la serata è stata meritevole: nonostante le piccole dimensioni, Ferrara si lascia ammirare con piacere, tra corsi d'acqua, vie strette e accattivanti, duomo e castello.

Quattro passi, una pizza gradevole, un gelato ottimo, una gradevole brezza, una buona dose di cazzate dette, un po' di risate più a cuor leggero del solito, cercando di zittire i pensieri per qualche minuto.

Ah, e biciclette.

Tante biciclette.

Tantissimi biciclette.

Più di quanto mi sia mai capitato di vederne al di fuori di una corsa ciclistica.

Tante da farmi chiedere se siano una conditio sine qua non per ottenere la residenza.

Tante da pormi la questione se Ferrara non sia, per caso, in provincia di Pechino.

E, lo ammetto, tante da causare qualche scompenso a chi, come mei, coi ciclisti ha ormai un rapporto in cui l'astio è molto più frequente dell'affetto (e, diciamocelo, per come guidano anche qui direi che non fanno molto per farmi ricredere).

Bella serata, quindi.

E bella, Ferrara.

Molto.

Però magari la prossima volta avvisatemi delle biciclette, così mi preparo psicologicamente, ok?

 

About Aries

Finché potrò continuerò ad osservare. Finché osserverò continuerò ad imparare. Finché imparerò continuerò a crescere. Finché crescerò continuerò a vivere.

2 commenti

  1. Ferrara è magica e le bici la rendono ancora più magica

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.