330. Parole

Oggi mi è capitato sotto meno un giochetto su facebook, che ho deciso di fare per cazzeggiare un po'.

L'idea, piuttosto semplice, è di farsi descrivere dalle persone con tre parole a loro scelta, rimanendo nell'anonimato, cosa che dovrebbe garantire una maggior sincerità (o, in certi casi, una maggior stronzaggine, dipende dai soggetti).

 

Al momento in cui scrivo hanno partecipato “solo” cinque persone e il risultato, al momento, è stato sicuramente piacevole, con un paio di perplessità, una cosa che chiama vendetta e una grossa, enorme, ombra con cui chiuderò questo post.

 

Magari nei prossimi giorni farò un riepilogo, ma di sicuro è interessante vedere quali aggettivi scelgono persone che ti conoscono a livelli molto diversi, dalla superficialità del social all'amicizia di anni, per descriverti.

 

Ora però voglio focalizzarmi su due punti.

 

Primo.

Voglio il nome di chi ha scritto “petaloso” per poterlo malmenare con tutti i volumi di un'enciclopedia Treccani.

 

Secondo.

L'ombra.

Delle cinque persone, nessuna ha usato le stesse parole, tranne in un caso.

Una sola parola è stata ripetuta più di una volta.

Una, che quindi, sembra rappresentare la summa del mio essere.

Quella che andrebbe incisa sulla mia lapide, quella dovrebbe accogliermi in un momento di celebrazione.

Una e una sola.

 

Nerd.

 

Io boh, che altro posso aggiungere? Quasi quarantadue anni riassunti così.

 

Nerd.

 

Potessi almeno negarlo…

 

PS: per i curiosi, il link è questo: http://in3words.me/wwwroot/app/app.html#/poll/f7f4f9b8-4c37-4869-89ad-f47cfff3f444

About Aries

Finché potrò continuerò ad osservare. Finché osserverò continuerò ad imparare. Finché imparerò continuerò a crescere. Finché crescerò continuerò a vivere.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.