297. Attenzione

Alcuni dei miei lavori mi vengono passati da una persona che, sostanzialmente, funge da capoprogetto. Si tratta di una brava persona, con cui mi trovo bene, ma c'è un aspetto che tende periodicamente a irritarmi.

Scena: lo chiamo per una problematica e per decidere insieme come risolverla.

  • “Disturbo?” “No no, dimmi pure”
  • Inizio a spiegare una problematica e lui sembra stare ascoltando.
  • Continuo a parlare e mi accorgo che lui mugugna sotto voce, rispondendo a qualcun altro che è probabilmente nella stanza.
  • Quando vedo che la cosa dura più di qualche istante faccio una domanda (anche se non serve, ma dato che sono stronzo la faccio per costringerlo ad ascoltare).
  • Silenzio.
  • Si accorge che attendo una risposta, ma lui non ha idea di cosa io abbia chiesto.
  • Balbetta qualcosa.
  • Prova a dare una risposta, ma si rende conto che non sarebbe sensata.
  • “No, scusa, mi ripeti?”
Ogni. Singola. Fottuta. Volta.

(Oddio, forse non tutte ma la maggior parte).

Ora, io dico: capisco che tu sia impegnato e capisco che una telefonata mentre stai facendo qualcosa può spezzarti la concentrazione, lo capisco perfettamente e proprio per questo ti dico: DIMMELO.

“Guarda, scusa, sono impegnato, se non è urgente ci sentiamo dopo?”

Non è difficile, no?

Capisco che non è fatto con cattiveria, ma questo tipo di disattenzione è soltanto irritante e non aiuta nessuno.

Fosse una persona che non mi passa lavoro gli avrei già tirato un paio di urlate dietro, ma dato che non posso mi trovo regolarmente a soffocare una madonna o più madonne che ho tanta, ma veramente tanta, voglia di esternare.

A questo punto l'unica soluzione che mi viene in mente è di registrarlo e, mentre mi accorgo che non mi sta prestando attenzione, dirgli che per il lavoro che gli sto facendo mi deve dare almeno 3.000 euro, attendendo che confermi prima di chiedermi di ripetere.

Magari così impara.

 

 

About Aries

Finché potrò continuerò ad osservare. Finché osserverò continuerò ad imparare. Finché imparerò continuerò a crescere. Finché crescerò continuerò a vivere.

6 commenti

  1. è maleducato, io la vedo così. la sua è maleducazione

  2. Non male come idea… se funziona te la copio. 😛

  3. No, mi permetta. No, io… scusi, noi siamo in quattro. Come se fosse antani anche per lei soltanto in due, oppure in quattro anche scribài con cofandina?
    Io proverei con una domanda così? 😉

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.