198. Scelte giuste

Stasera avrei potuto rimanere a casa. Uscendo avrei rischiato di incrociare una persona fastidiosa e, soprattutto, il lavoro incalzava con urgenze su urgenze.

Avrei potuto rimanere a casa, finire di lavorare, cenare, svaccarmi sul divano, ammorbarmi di serie tv.

Ma.

Ma era una serata importante per una di quelle persone che vedo poco o niente, ma che stimo e apprezzo veramente.

Era un'occasione di uscire e tornare in zona Navigli dopo un po' che non andavo.

Era, ancora, la possibilità di conoscere un autore mai sentito nominare e un fumetto ancora da scoprire.

Alle 17.30 avevo chiuso le urgenze e, fanculo, sono uscito.

E sono stati abbracci.

Sono stati disegni sui volumi appena comprati.

Sono state chiacchiere impreviste e piacevoli.

È stato spostarsi da una fumetteria a un locale, bere (chi beveva, ovvero tutti tranne me), parlare di fumetti, vita, gente in gamba e gente meno, scoprire che i programmatori sono più diffusi dell'erba cattiva, dirsi “ci vediamo a Lucca” non solo con chi conosci, ma anche con chi non conoscevi, andare a ruota libera per ore.

È stato, soprattutto, ritrovare la fiducia (almeno un po') nella possibilità di comunicare con persone dotate di raziocinio con le quali sia possibile uno scambio di informazioni, aneddoti e altre amenità. Il piacere dell'arricchimento per contatto interpersonale: sì, una di quelle cosa che spesso i social di fanno dimenticare.

Ok, è stato anche mangiare Falafel dal Kebabbaro sotto casa alle 22.30, ma non stiamo a sottilizzare.

E ci voleva.

Ci volevano le risate, i disegni, le chiacchiere, gli abbracci.

Ci volevano gli stimoli.

Tanto da non bastare mai.

Ma il sorriso di stasera me lo tengo stretto assieme a un promemoria fondamentale: se desidero una cosa non c'è e non ci dev'essere presenza o ostacolo lavorativo che tengano. Se la desidero devo farla e fanculo al resto.

In caso contrario, stasera, non avrei avuto questo sorriso, non avrei avuto questa soddisfazione e non avrei avuto questo:

PS: Posso solo dire grazie a chi l'ha organizzata e dirvi, a scatola chiusa, di comprare Velenose, edito da BD, curato da Micol Beltramini e creato da Thomas Gilbert, che si è rivelato essere un ragazzo non solo di talento, ma estremamente simpatico e gentile. No, non ho ancora letto il volume, ma mi fido. E voi fidatevi di me, che quando vi ho consigliato Sock Monkey e Marbles non vi siete certo lamentati.

 

About Aries

Finché potrò continuerò ad osservare. Finché osserverò continuerò ad imparare. Finché imparerò continuerò a crescere. Finché crescerò continuerò a vivere.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.