Dicci, dicci, com’è la Provenza? E la Camargue?

Coff coff… dannata polvere… eeee…eeeee…. ettciùùùù!

Va bene, dai, direi che ci siamo, spero di non avervi fatto aspettare troppo (nel caso è colpa dei felini, è sempre colpa loro).

Orbene, dicevo, forse è il caso di aprire con un bel diario di viaggio, no? So bene che lo aspettate tutti con ansia malcelata e il fatto che stiate fuggendo verso la porta è solo per farmi uno scherzone, tsé.

Va beh, se qualcuno fosse rimasto sappia che qui trova il diario di viaggio della nostra vacanza in Provenza e Camargue: sono 35 pagine, abbiate pazienza, ma potrebbero non farvi tutte schifo, giuro.

Lo potete scaricare da qui: Diario Provenza 2012

Nel diario trovate anche qualche foto, ma se voleste vederne di più e a risoluzione maggiore, l’album con un’accurata selezione è visualizzabile qui: http://www.flickr.com/photos/aries1974/sets/72157631132431104/

E visto che ormai sono un uomo marketing collaudato, vi lascio di seguito un “estratto” del diario, l’appendice, così potete dire di averne comunque letta una parte 😛

  • Se volete farvi coccolare andata al B&B Hermitage de Saint-Antoin a Aigues Mortes; occhio, potreste non voler venire più via.
  • Lasciate invece perdere l’hotel Le Crillion di Murs: pretenzioso, scarso, con personale fastidioso.
  • Dicono tutti che in Francia ci sono tanti caselli autostradali. È verissimo e rompono pure un po’ le scatole.
  • Tutti i caselli prendono carta di credito, basta che non sia quella di Sweetie.
  • E’ verissimo che in molti caselli c’è il “cestino acchiappamonete” che, c’è da dirlo, fa la sua porca figura.
  • In zona Aigues Mortes lasciate perdere le spiagge di Le Grau Du Roi e La Grande Motte: L’espiguette forever!
  • Già che ci siete, approfittate della spiaggia naturista… potrebbe piacervi parecchio.
  • Non mangiate Rillettes a meno che il vostro stomaco sia parecchio resistente.
  • In Italia gasolio a 1,8 e rotti. In Francia tra 1,409 e 1,550 e senza essere mai annacquato. Occhio, però, che in autostrada costa sempre di più.
  • Le saline sono un’esperienza emozionante.
  • Marsiglia è interessante da visitare, ma dormire vicino all’ospedale un po’ meno.
  • Non chiedete a una venditrice di biscotti francese se parla inglese. Potrebbe strapparvi un braccio.
  • Se lo chiedete a un cameriere in un locale di Tapas a Aigues Mortes, invece, potrebbe elencarvi il menu in inglese
  • E se lo chiedete a una cameriera di Avignon che vi ha appena parlato in inglese potreste fare la figura degli idioti
  • Sweetie ormai è tossica di erbe, tapenade e formaggio di capra
  • Abbiamo trovato difficile trovare posti in cui mangiare a prezzi medio-bassi che non fossero pessime pizzerie o fast food: a volte qualcosa si trova (soprattutto Brasserie o posti in cui mangiare Crepes) ma non è semplicissimo; noi ci siamo arrangiati a volte comprando al supermercato, altre andando a mangiare tapas o indiano e, ogni tanto, abbiamo speso un po’ di più. Bisogna comunque tenerne conto.
  • Le barchette marsigliesi ai fiori d’arancio sanno di detersivo, almeno per il sottoscritto. Sweetie le adora.
  • Il gelato Italienne per i francesi è il nostro gelato soft, sa il cappero perché: loro, però, hanno un fottio di gusti disponibili
  • L’insalata Italienne, invece, è fatta con insalata, pomodori, prosciutto crudo, olive e varie ed eventuali. Anche qui sa il cappero perché.
  • L’insalata Chevre Chaud è invece una libidine vera, con tanto di crostini e formaggio di capra fuso.
  • Ovunque voi andiate in Francia troverete una spettacolare catena di biscotti e lecca lecca in cui darvi alla perdizione più profonda. Andate con la mia benedizione.
  • Insomma, siete ancora qui?

About Aries

Finché potrò continuerò ad osservare. Finché osserverò continuerò ad imparare. Finché imparerò continuerò a crescere. Finché crescerò continuerò a vivere.

12 commenti

  1. Io continuo a non amare molto i cugini d’oltralpe, né la loro cucina…. ma un giro per i paesaggi me lo farei volentieri… 😉

    La prossima tappa sarà provare il turismo fluviale sulla loira… 😉

  2. sto leggendo il diario…. lunghetto sì, ma decisamente interessante.
    La tapenade l’adoro. Concordo com sweetie… 😉

  3. ahem.
    scusa il ritardo nel commentare, ma ho dovuto leggere il diario di viaggio. ^^

    Oltre al resoconto splendido della vostra splendida vacanza, ci sono delle foto veramente magnifiche!!! Sono proprio contenta che vi siate goduti la Provenza! XD

    …Ma sappi che non concordo con te.
    Non è MAI colpa dei felini.
    Semmai, dei loro coinquilini umani, che hanno miseramente fallito nell’interpretare i loro bisogni ed esigenze. 😛

  4. L’avevo detto io che ti sarebbe piaciuta! Io ci vado almeno una volta all’anno!

  5. Per ora ho solo visto le foto il diario di bordo non ancora letto.
    Bellissime, il Rodano dal ponte di Avignon, l’acqua rosa nelle saline della camargue (1743) e tutte quante le immagini delle saline un altro pianeta davvero. Minacce nell’ombra è uno spettacolo, ma fra tutte c’è una foto che è un capolavoro, non so chi di voi due l’ha fatta, ma complimenti è stupenda ed è …….. SORGENTE la n. 8857. Moustiers mi ha conquistata.
    Baci
    4p

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.