La setta degli assassini

Finalmente ho trovato il tempo per terminare il primo capitolo delle "Guerre del Mondo Emerso", nuova trilogia di Licia Troisi.

Premetto che quanto seguirà è il giudizio di un acerbo del fantasy, per cui molti puristi potrebbero storcere il naso: fatto sta che questo primo nuovo romanzo non mi è affatto dispiaciuto; la Troisi introduce un nuovo personaggio femminile, Dubhe, che presenta sia tratti in comune che grosse differenze con l’eroina della precedente trilogia.

Dove Nihal voleva essere un guerriero, Dubhe vorrebbe vivere la propria vita, dove Nihal inseguiva l’avventura, Dubhe insegue il sogno di poter essere normale pur sapendo che le è praticamente negato.

La vicenda si svolge quarant’anni dopo la trilogia precedente e, nonostante la vittoria ottenuto da Nihal e Sennar in quei romanzi, l’oscurità torna a farsi viva in maniera ancora più inquietante e subdola.

Ma come può una ragazzina, per quanto ladra ed, involontariamente, assassina, entrare in ballo in giochi di potere ben più grandi di lei?

Dovrete leggerlo per saperlo: io ripeto che non mi è dispiaciuto; certo, un po’ di ripetitività rispetto a quanto già scritto dalla stessa autrice si sente, ma è comunque una lettura gradevole, lontana certamente dall’epica di altri autori, ma che fa trascorrere qualche ora piacevole.

Vedremo come proseguirà

About Aries

Finché potrò continuerò ad osservare. Finché osserverò continuerò ad imparare. Finché imparerò continuerò a crescere. Finché crescerò continuerò a vivere.

7 commenti

  1. Ho letto pochi romanzi fantasy, ma quei pochi mi sono piaciuti… Devo dire che erano romanzi inconsueti e non i “classiconi”.

    Di questo, ad esempio, non ho mai sentito parlare. Vedi perché è bello leggere e scambiarsi opinioni? Perché si possono sempre affrontare nuove “avventure” letterarie…

    Un abbraccio 😉

  2. la troisi ha anche un blog… io l’ho scoperto da poco!

  3. è vero, “La setta degli assassini” è un libricino niente male, anche se onestamente ho letto fantasy migliori.

    Non mi resta che aspettare l’uscita del secondo volume in versione economica (ho il braccino corto^^)…

  4. @Cate: Ovviamente concordo in pieno 😉 Comunque se vuoi cimentarti con questi ricordati di leggere prima il ciclo delle “Cronache del Mondo Emerso”, che li precede 🙂

    @Siana: ogni tanto lo leggo anch’io 🙂

    @Megara: ovviamente concordo sul fatto ce ne siano di meglio.. ma anche di molto peggio 😉 Comunque il secondo volume è già  uscito in super-economica, è il terzo che è appena uscito in rilegato 🙂

  5. sabato andrò a Rieti dove la troisi presenta il terzo libro della trilogia. Con l’occasione li prenderò tutti e tre (stavo aspettando che fosse completa per comprarli)… Le cronache del mondo emerso non era un capolavoro imperdibile, ma era carino e leggibile… la Troisi è giovane e viste le premesse mi sembra che meriti la massima fiducia!! 😉

    Fra

  6. @Fra: oltre a concordare in pieno… Salutamela!

  7. Vedo che alcuni di voi, ma anche non solo, parlo anche della critica generale, reputano quest’Autrice mediocre o giù di li. Bè, io penso che scrivere non è facile.

    Per me il fantasy ideale, quello bello bello, è quello che crea un mondo nuovo, completamente differente dal nostro, senza pecche, senza difetti. Quando un autore riesce in questo, rispettano il tempo, la fisionomia ecc ecc è un grande autore.

    Ho conosciuto Licia ai primordi, su FantasyMagazine, quando ai tempi non sapeva nemmeno lei se avrebbe avuto successo, ci è riuscita.

    Trovo sia una grande abilità  scrivere 6 libri su uno stesso mondo, trovando e descrivendo cose e situazioni che nella prima trilogia non c’erano, per me è una grande.

    Inoltre è italiana e penso che sia di sprono a noi futuri scrittori in Italia.

    Inoltre, per i chi segue il suo blog, è a conoscenza che sta per uscire il libro del Tiranno. Una storia prima del tempo di Nihal. Ho letto l’inizio, davvero entusiasmante!

    Abbraccix!

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.