Trappola per topi

Giuro che poi per un po’ la pianto, visto che ho iniziato a leggere "Scelta obbligata", che dovrebbe tenermi impegnato per un po’ .

Ma parliamo di questa commedia di Agatha Christie.

Anzitutto devo dire che è la prima volta che leggo un suo testo teatrale: avevo al mio attivo diversi suoi romanzi, ma per puro caso le commedie mi erano ancora sfuggite… fino ad oggi.

Proprio in quanto commedia teatrale il libro si legge ancora più velocemente rispetto ai romanzi (che già si divorano agilmente), ma lo stile ed il pathos rimangono ad altissimi livelli.

La storia? Una giovane coppia di coniugi apre una piccola locanda in casa ed i primi ospiti arrivano giusto il giorno di una terribile nevicata che li costringe a rimanere praticamente reclusi insieme; niente di particolare se non fosse che tra di loro è sicuramente presente un assassino che ha appena commesso un omicidio a Londra e che altrettanto sicuramente vuole uccidere qualcuno di loro: perché? E soprattutto chi è costui? Ovviamente non ve lo rivelo, però posso dirvi che stavolta ci avevo preso (e con la Christie è tutt’altro che semplice) .

Una lettura gradevole, da consigliare assolutamente: sarei veramente curioso di vederla in scena a teatro.

About Aries

Finché potrò continuerò ad osservare.
Finché osserverò continuerò ad imparare.
Finché imparerò continuerò a crescere.
Finché crescerò continuerò a vivere.

2 commenti

  1. Me ne parlano sempre un gran bene di quest’opera della cara Agatha… Direi che sarebbe bene acquistarlo. Io intanto mi preparo per leggere “L’Arte della Guerra” di Sun Tsu. Chissà  che nn mi torni utile…

  2. L’arte della guerra m’incuriosisce, fammi sapere com’è 🙂

    (E sì, compra Agatha…)

Lascia un commento