Guardando Indietro

Se potessi parlare all’Aries appena nato gli direi "sarà interessante, vedrai".

Se potessi parlare all’Aries di 3 anni gli direi "ti sembrerà strano, ma un giorno adorerai buttarti in acqua"

Se potessi parlare all’Aries di 5 anni gli direi "guarda che ti vedono quando ti nascondi dietri i cespugli con le amichette di classe"

Se potessi parlare all’Aries di 8 anni gli direi "non prendertela, non tutti capiscono il fascino di un libro"

Se potessi parlare all’Aries di 12 anni gli direi "sii forte anche per lei, ne ha bisogno"

Se potessi parlare all’Aries di 13 anni gli direi "vedi? Se tu ti apri, non sono poi così antipatici"

Se potessi parlare all’Aries di 14 anni gli direi "Per essere amato devi amarti, sempre"

Se potessi parlare all’Aries di 18 anni gli direi "Idiota, ti decidi a provarci? Non aspetta altro!"

Se potessi parlare all’Aries di 22 anni non gli direi nulla, lo abbraccerei e basta.

Se potessi parlare all’Aries di 23 anni gli direi che non può e non deve soffocare una parte di sé.

Se potessi parlare all’Aries di 24 anni gli direi di non fare cazzate, che il matrimonio può aspettare

Se potessi parlare all’Aries di 27 anni gli direi che sarà difficile ma sta facendo la cosa giusta

Se potessi parlare all’Aries di 28 anni gli direi di piantarla di piangersi addosso, perché arriveranno momenti anche più duri e così allontana solo chi gli è vicino

Se potessi parlare all’Aries di 30 anni gli direi che deve imparare a costruire la propria vita

Se potessi parlare all’Aries di 31 anni gli direi che andrà tutto bene, anche se ha una paura fottuta.

Se potessi parlare all’Aries di ieri gli direi che oggi la giornata sarà più leggera del previsto.

E domani, tra un anno, tra dieci anni cosa vorrò dire all’Aries di oggi? Spero, almeno, di confermare che sì, è stata dura ma cavoli quanto è stato interessante.

 

About Aries

Finché potrò continuerò ad osservare. Finché osserverò continuerò ad imparare. Finché imparerò continuerò a crescere. Finché crescerò continuerò a vivere.

17 commenti

  1. bellissimo post…

    un saluto all’aries di oggi (ed alla sua famiglia, stitch incluso!)

  2. … mi chiedo cosa mi direi io… devo pensarci su…

    Fra

  3. @itan82: l’aries di oggi ricambia di cuore e ringrazia 🙂

    @fra: quando ci avrai pensato rendimene partecipe, se ti va 🙂

  4. @marcy: grazie grazie grazie 🙂

  5. Davvero bello questo post. Ora ci penserò anch’io 🙂

  6. Grandioso quello che hdiresti all’aries dei 18, e complimenti a uqello dei 5 che aveva già  capito qualcosa di fondamentale nella vita.

    all’aries dei 32 quello di adesso gli dico che lo aspetto insieme a sweetie per andare a vedere Cars se possibile lunedì questo.

  7. Bello, davvero bello… complimenti.

    Per ragioni anagrafiche (ahimé) io avrei parecchi “se potessi…” in più di te da scrivere, ma l’ultima considerazione sarebbe comunque identica alla tua.

  8. @Laura, Cris e Fully: grazie mille dei complimenti, sono felice vi sia piaciuto il post

    @Laura: l’idea non è male, ma mi rendo conto che non conosci gli orari di Sweetie, altrimenti non riterresti possibile un cinema infrasettimanale :///

  9. Che bel post… io non saprei che dire alla Stefania di ieri… perchè purtroppo (o per fortuna? 😉 ) non sono cambiata molto…

    buona giornata 🙂

    Ste

  10. Che bel post :)))

    Mi hai fatto venire voglia di pensare a cosa direi alla Stefy del passato!

  11. sospirone da parte di un tuo coetaneo….

  12. @gridodamore: grazie 🙂

    @pollon: grazie anche a te e, come a fra, se vuoi rendimi partecipe di quel che ti diresti 🙂

    @puglia: già  già  già …

  13. Complimenti per il post, fa riflettere.

  14. @Laura + Cagnotto: è una triste storia quella dei miei orari, una spina nel fianco per l’aries dei 32 🙁

  15. Mi unisco agli altri nei complimenti, davvero un bellissimo post!

    Io cerco sempre di dire ad ogni me stessa del passato “brava, ben fatto. Se tu non l’avessi fatto io oggi non sarei quello che sono”.

    Giuly

  16. @Giuly: anzitutto grazie anche a te per i complimenti e poi… beh, indubbiamente hai ragione: noi siamo il risultato di tutto ciò che abbiamo vissuto in passato, certo però che il pensiero di poter facilitare qualche passo difficile vissuto è sempre solleticante, no? 🙂

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.