Vigilie (again)

Puoi anche non pensarci il più possibile, ma il tuo subconscio, che ci tiene, fa tutto il lavoro per te. Così arrivi al giorno prima con quel carico di tensione e nervoso che potresti illuminare la città piazzandoti una spina della corrente nel naso. Puoi non pensarci, ma il giorno…

Continua a leggere…

Print Friendly

Il massimo

Venerdì sera, 21.10. Sul divano con una lattina di coca zero in mano. Ho finito di lavorare poco più di un’ora fa perché, beh, perché serviva e purtroppo non sempre si può evitare. Sono stanco, molto. Non tanto per oggi: ci può stare di fare un’ora o due in più,…

Continua a leggere…

Print Friendly

Lifetime

Ho un rapporto difficile, molto difficile, col tempo, col tempismo, con l’attesa e con la pazienza. Un po’ è una questione caratteriale: aspettare è, per quanto mi riguarda, un’attività acquisita per ottenere la quale devo fare una sorta di violenza su me stesso; l’anno passato, quindi, non è stato solo…

Continua a leggere…

Print Friendly