Urgenze

Ne ho già parlato parecchie volte, ma facciamo un nuovo esempio, che non guasta.

Giovedì 10 novembre, ore 18.08
Squilla il telefono. È un cliente che mi segnala che ci sono dei problemi con un software e che stanno diventando intollerabili, per cui vanno risolti quanto prima. Verifico l’ultima volta che li ho sentiti: maggio. Faccio notare che non sono ancora dotato di telepatia e che se non segnalano le problematiche è difficile possa inventarmi di risolverle. Prendo in carico la segnalazione. 

Venerdì 11 novembre
Lavorando fuori orario per scrupolo personale, attivo delle modifiche che dovrebbero risolvere la segnalazione. Le pubblico il giorno stesso e avviso il cliente di testarle quanto prima, così da intervenire se è il caso. Mi viene risposto che il lunedì successivo inizieranno i test

Martedì 15 novembre
Breve contatto telefonico per un chiarimento con altra persona dello stesso cliente. Tale persona mi dice che stanno lavorandoci dal giorno prima e che poi mi faranno sapere.

Martedì 22 novembre
Non avendo ricevuto ulteriore comunicazione, mando mail in cui chiedo se hanno effettuato i test detti. Mi viene risposto che “hanno avuto altre cose urgenti da fare e che ci lavoreranno nei prossimi giorni, poi mi faranno sapere”.

Ora il candidato indichi, in non meno di 100 parole e in non più di 500, con assoluta libertà nella scelta delle madonne, quali saranno le risposte da fornire a suddetto cliente se tra qualche mese farà una telefonata come al punto 1.

 

Print Friendly

About Aries

Finché potrò continuerò ad osservare. Finché osserverò continuerò ad imparare. Finché imparerò continuerò a crescere. Finché crescerò continuerò a vivere.

4 commenti

  1. Visto che mandare affanculo il cliente richiede troppo sforzo muscolare, propongo una bella email con allegato immagine di un ditto medio alzato.

  2. Assurdo…
    Sempre bello leggerti comunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *